Skip Ribbon Commands Skip to main content
Share This

Storie a lieto fine

La storia di Elsa
Elsa è un whippet molto fortunato. Nata da cani dal sangue blu, era destinata alla carriera in esposizione fino a quando un forte trauma non curato e lasciato guarire spontaneamente le ha procurato una evidente zoppia ad una zampa anteriore. Relegata da sola in una piccola gabbia, Elsa viveva le sue tristi giornate una dopo l’altra senza il conforto delle carezze e delle attenzioni di cui qualsiasi cane ha così bisogno fino a quando una giovane donna, veterinaria, è venuta a conoscenza della sua condizione. Impietosita da una storia oggettivamente commovente, Monica ha portato Elsa a casa sua dove anche il marito Alessandro - da sempre entusiasta degli esuberanti fox terrier, ben diversi dai miti ed eleganti whippet - non ha saputo negare un destino migliore a questa creatura gentile e silenziosa…

Silenziosa? Beh, …. non proprio sempre! Eh sì, perché Elsa, dopo aver provato la differenza tra la piccola gabbia solitaria e la goduriosa morbidezza del cuscino della poltrona di Alessandro, ha sviluppato la profonda angoscia di essere lasciata da sola e si dispera a gran voce ogni volta che perde di vista le persone a cui è più legata. I veterinari la chiamano “ansia da separazione” ed è tipica dei cani provenienti dai canili o di quei cani troppo coccolati che da cuccioli hanno trascorso tutta la giornata in braccio ai padroni senza mai essere abituati a passare qualche ora (mai comunque più di 3 o 4!) in solitudine. Se in molti casi questo problema può essere trattato, il caso di Elsa sembra particolarmente grave e solo col tempo si potrà dire se migliorerà o meno.

Fortunatamente per Elsa, Monica e Alessando hanno trovato una “zia” disponibile a fare da dog-sitter in caso di necessità e così le sue giornate possono trascorrere oggi in piena serenità. Tanto più che da qualche giorno un nuovo cucciolo è entrato a far parte della famiglia: è un cosino rosa che strilla, mangia e riempie pannolini a tutto spiano! All’inizio Elsa è rimasta un po’ perplessa da questo optional non richiesto, ma con la insita saggezza di tutti i whippet non tarderà a vedere nella piccola Arianna una nuova tenera componente di quel branco felice che la fortuna le ha voluto regalare.